Costituzione,  amministrazione e gestione di associazioni

Benvenuti sul portale informativo riguardande la costituzione, formazione e amministrazione di una Associazione culturale.

Su associazione-culturale.it potrai trovare infatti tutte le informazioni su cos’è un’associazionecome aprire un circolo ( sia di tipo culturale ma anche sportivo, ricreativo etc..), sulle varie normative in ambito fiscale e tutto ciò che riguarda appunto il mondo dell’associazionismo.

Nel diritto, un’associazione è un ente (senza finalità di lucro) costituito da un insieme di persone fisiche o giuridiche legate dal perseguimento di uno scopo di interesse collettivo e può autofinanziarsi per il raggiungimento dei propri scopi che siano religiosi, culturali,  sportivi e/o sociali.

La costituzione consente a qualsiasi persona il diritto di associarsi.

L’ articolo 18 della Costituzione Italiana infatti testualmente recita:

I cittadini hanno diritto di associarsi liberamente, senza autorizzazione, per fini che non sono vietati ai singoli dalla legge penale”.

Un’associazione può decire di riunirsi e svolgere le proprie attività associative anche all’interno di un locale, diventando in questo caso circolo privato o club.

Ovviamente bisognerà prima redigere un atto costitutivo e uno statuto.

Esistono diverse tipologie di circoli ricreativi come per esempio: un circolo o un’associazione musicale,  un circolo o club enogastronico ( dove è prevista una cucina o un bar sociale), un circolo di teatro o semplicemente un luogo ricreativo.

Tutti i circoli devono essere comunque a norma e rispettare le leggi .

Infatti, un circolo o una associazione culturale, può movimentare denaro dopo aver ottenuto il codice fiscale tramite modello AA5/6 e quindi procedere alla normale registrazione presso l‘Agenzia delle Entrate.

Quali sono le principali normative che un circolo o club deve rispettare sia in termini di sicurezza che in materia fiscale?

Oltre a tenere in ordine  i bilanci annuali attraverso il Rendiconto economico finanziario per associazioni (REFA), se previsto da statuto, bisogna redigere anche il bilancio preventivo.

Tutti i circoli devono rispettare nei loro locali le regole in materia di sorvegliabilità e accesso e tesseramento soci, inoltre sono tenuti a trasmettere il modello EAS entro 60 giorni all’ufficio delle entrate.

A tal fine è bene tenere in ordine i libri sociali come ad esempio il libro soci e il registro per i verbali di assemblee.

Per poter somministrare bevande e alimenti e godere di privilegi fiscali bisogna affiliarsi a un ente di promozione sociale con finalità assistenziali o culturali riconosciute dal ministero dell’interno.

Circolo privato normativa